Indicizzazione e posizionamento Google mobile-first

Indicizzazione e posizionamento Google mobile-first

Google ha annunciato dopo un anno e mezzo di attenta sperimentazione e test, la migrazione dei siti che seguono le best practice per l’indicizzazione mobile-first.

Per ricapitolare, i  sistemi di scansione di Google, indicizzazione e posizionamento, hanno in genere utilizzato la versione desktop del contenuto di una pagina, che potrebbe però causare problemi agli utenti di ricerca mobile quando tale versione è molto diversa dalla versione mobile. L’indicizzazione mobile-first significa che Google utilizzerà la versione mobile della pagina per l’indicizzazione e il ranking, per aiutare meglio gli utenti, principalmente mobili, a trovare ciò che stanno cercando.

Le serp di Google saranno divise e differenti per il desktop e mobile?

La risposta è no.

Si continuerà comunque ad avere un unico indice dei risultati di ricerca. Non esisterà un “indice mobile-first”  separato dall’indice principale. 

Google sta notificando ai siti che eseguono la migrazione all’indicizzazione dei dispositivi mobili tramite Search Console. I proprietari dei siti vedranno una velocità di scansione notevolmente maggiore dallo smartphone Googlebot. Inoltre, Google mostrerà la versione mobile delle pagine nei risultati di ricerca e nelle pagine memorizzate nella cache di Google.

I siti  responsive web design o dynamic serving sono generalmente impostati per l’indicizzazione mobile-first. Per i siti che hanno pagine AMP e non AMP, Google preferirà indicizzare la versione mobile della pagina non AMP.

I siti che non si trovano in questa prima ondata di migrazione non hanno bisogno di farsi prendere dal panico. L’indicizzazione mobile-first riguarda il modo in cui raccogliamo i contenuti, non su come viene classificato il contenuto. I contenuti raccolti preventivamente da questa migrazione non hanno alcun vantaggio di ranking rispetto ai contenuti mobili che non sono ancora stati raccolti in questo modo o nei contenuti desktop.

Con questo aggiornamento Google vuole incoraggiare i webmaster a rendere i loro contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili. Google valuta comunque tutti i contenuti nell’indice, indipendentemente dal fatto che siano desktop o mobili, per determinare quanto sia mobile-friendly. Dal 2015, questa misura può aiutare i contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili a funzionare meglio per coloro che effettuano ricerche su dispositivi mobili. In relazione,  recentemente Google ha annunciato che a partire da luglio 2018, i contenuti con caricamento lento potrebbero essere meno efficaci per gli utenti di desktop e dispositivi mobili.

Per ricapitolare il mobile-first indexing:

  •     L’indicizzazione mobile si sta diffondendo più ampiamente. Essere indicizzati in questo modo non ha alcun vantaggio di ranking e opera indipendentemente dalla nostra valutazione ottimizzata per i dispositivi mobili.
  •     Avere contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili è ancora utile per coloro che cercano modi per ottenere risultati migliori nei risultati di ricerca su dispositivi mobili.
  •     Avere contenuti a caricamento rapido è ancora utile per coloro che cercano modi per ottenere prestazioni migliori per gli utenti mobili e desktop.
  •     Come sempre, la classifica utilizza molti fattori. Google potrebbe mostrare contenuti che non sono ottimizzati per i dispositivi mobili o che si caricano lentamente se i  numerosi altri fattori di ranking determinano che è il contenuto più pertinente da mostrare.

Quindi cambierà qualcosa nelle serp di Google o no?

Sicuramente si, perchè non solo saranno visualizzate tenendo presente la versione mobile del sito, ma i siti mobile friendly  avranno maggiore ranking rispetto a quelli non compatibili, mal impostati ed ottimizzati o lenti nel caricamento.

Indicizzazione e posizionamento Google mobile-first
Nome Articolo
Indicizzazione e posizionamento Google mobile-first
Descrizione
Google ha annunciato dopo un anno e mezzo di attenta sperimentazione e test, la migrazione dei siti che seguono le best practice per l'indicizzazione mobile-first.
Autore
Organizzazione
Web Seo Sem
Logo

Articoli Correlati:

Fabio Ricciardi - Esperto SEO -

Fabio Ricciardi è consulente SEO Specialist, si occupa da anni di tecniche di Ottimizzazione e Posizionamento per siti web, collabora con importanti aziende che si occupano di Web Marketing e di azioni promozionali in internet per importanti aziende nazionali e internazionali, curandone l'immagine online.

Francesca Daquino - Esperto SEM -

Daquino Francesca, laureata in Economia aziendale nel 2009, presso l'università degli Studi di Pisa, libera professionista con P.Iva, si occupa di comunicazione e di web marketing, esperta in strategie di posizionamento nei motori di ricerca, ha acquisito negli anni approfondite conoscenze strategiche di tecniche SEM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 5 =